Decantare il vino: quando, perché e come

how to decant wineDecantare: un’azione non sempre necessaria, che richiede del tempo e permette di ridare limpidezza al vino e soprattutto ai suoi sentori.

Quando e perché si decanta un vino?

Solitamente le motivazioni per cui si decanta un vino sono:

  • Per separare i sedimenti di vini conservati a lungo in cantina.
    Qui c’è la gravità che lavora per noi: i sedimenti sono più pesanti, e quindi pian piano si depositano sul fondo del decanter dopo che li abbiamo mossi prendendo la bottiglia dalla cantina. I sedimenti sono presenti in caso di vini non filtrati o possono essere dovuti all’invecchiamento.
  • Per liberare aromi e profumi che altrimenti rimarrebbero “chiusi”.
    Da un punto di vista chimico nel vino sono presenti acidi, esteri e molecole di idrocarburo che “reagiscono” (si legano, per essere più tecnici) rapidamente all’ossigeno.
    In pratica, è attraverso questa reazione che si sviluppano gli aromi del vino.

Queste due semplici indicazioni ci danno qualche indizio su quando sarà utile decantare un vino:

  • Da decantare sicuramente vini rossi strutturati, corposi che hanno subito un invecchiamento in legno. Questi sono i vini più adatti a durare nel tempo e che vengono scelti spesso per festeggiare momenti importanti.
  • I vini rossi giovani o di medio affinamento, non presentano sedimenti, ma il contatto con l’aria gli permette di esprimersi al meglio sia al naso che in bocca.

I vini bianchi, invece, anche se hanno subito un affinamento in legno, generalmente non devono essere decantati. In questo caso è sufficiente aprire la bottiglia un po’ prima e far arieggiare il vino.

I vini frizzanti o i vini ottenuti da metodo classico (come ad es. gli Champagne) non vanno affatto decantati perché perderebbero la loro particolarità, cioè l’effervescenza data dalle bollicine.

Come si decanta un vino?

Il vino si può decantare in due modi:

  • Semplicemente stappando la bottiglia e lasciandola aperta per un periodo di tempo sufficiente per far sviluppare al vino tutti i suoi aromi;
  • Trasferendo il vino in un decanter, ovvero un contenitore di vetro trasparente a collo stretto e fondo allargato.
    La forma particolare di questo strumento è studiata per aumentare la superficie di contatto tra il vino e l’aria, e quindi con favorirne l’ossigenazione. Inoltre, con il decanter si riesce a versare il vino nei bicchieri, evitando che ci depositi finiscano eventuali.

Se scegliamo di usare un decanter ecco, quali sono i passaggi fondamentali da fare

  • Mettere la bottiglia in posizione verticale per qualche ora in modo che gli eventuali sedimenti si depositino sul fondo;
  • Stappare il vino, e in caso di vini molto vecchi, ripulire accuratamente il collo della bottiglia con un panno.  In questo modo si eviterà che polvere o batteri passino anche nel vino decantato.
  • Versare lentamente il vino dalla bottiglia nel decanter.
    Quando iniziamo a vedere i sedimenti nel collo della bottiglia è meglio fermarsi per non rischiare di ritrovarli nel bicchiere e intaccare la brillantezza del vino.
    I sommelier professionisti si aiutano con una candela o una luce, che viene posta sotto la bottiglia durante il travaso, proprio per controllare il deposito e interrompere la decantazione al momento giusto.
  • Lasciare il vino nel decanter per qualche tempo e poi servirlo.

Vai sullo shop

Gaiole in Chianti Organic Wineries Cantalici

È molto interessante anche ragionare un attimo sul significato della parola: “decantare”.
In italiano, ha un doppio significato e una doppia etimologia: in un caso il significato letterale è “mettere da parte” e riflette quello che succede da un punto di vista fisico-chimico, come abbiamo visto. Nell’altro caso, invece il significato di decantare sta per “recitare cantando”. L’origine di questo secondo significato è antica, ma senza dubbio c’è dell’ironia nel decantare.

Decantare un vino è utile dal punto di vista tecnico, goderne gustando vini buoni e che riescono ad esprimersi al meglio è un’ottima idea, perdersi in parole altisonanti per descriverlo è solo un po’ buffo. Evviva il vino buono! 😉

 

Vendita online
Vino DOCG, IGT & Olio IGT

Chianti Classico Baruffo

Rosso rubino intenso è il colore di questo Sangiovese 100%: equilibrato ma caratterizzato da una sferzante acidità che lo rende ideale per apprezzare piatti strutturati a base di umidi o selvaggina.

€15,00

Chianti Classico Cantalici

Uno dei rarissimi vini blend della cantina Cantalici: tannico, bilanciato e persistente. Ottimo per pasteggiare con primi di carne e secondi in umido.

€13,00

Chianti Classico DOCG Gran Selezione

Ha un colore così intenso il nostro Chianti Classico Gran Selezione: avvolge il palato e resta a lungo in bocca. Da degustare per fare onore a sapori altrettanto decisi.

€38,00

Rosato IGT Petali

Un vino rosato toscano fruttato, pieno e sapido che si presta sia come aperitivo, ma che regge molto bene anche formaggi stagionati, secondi di pesce.

€11,00
2