Come godersi un vino rosso d'estate

Un bicchiere di Chianti Classico CantaliciL’estate sta arrivando… e spesso questa si considera la “stagione del vino bianco o rosato”.

Ovviamente, se in estate avete bevuto vino rosso caldo, e magari anche abbinato al cibo sbagliato, avete assolutamente ragione: non è il caso di berlo, ma la stagione non c’entra niente.

Per chi come noi è nel Chianti Classico però, il vino rosso non ha stagione.

E quindi ecco qualche consiglio pratico in soccorso di chi vuole gustarsi un buon Chianti anche nei prossimi mesi!

Il vino bianco è davvero “più leggero” di un rosso?

Sfatiamo subito un mito: il vino bianco non è più leggero del vino rosso, né dal punto di vista della gradazione alcolica, né dal punto di vista calorico.
Per fare un esempio: se la gradazione alcolica è la stessa, un bicchiere di vino bianco ha circa 85 calorie e un bicchiere di vino rosso 90: pressoché le stesse, quindi. Ma consideriamo anche il fatto che usualmente si beve vino bianco in quantità maggiori rispetto al rosso, e quindi si assumono più calorie.

Inoltre, i vini bianchi contengono sempre una quantità maggiore di solfiti, che servono per favorire la conservazione nel tempo, ma che a volte possono dare piccoli fastidi come mal di testa o difficoltà di digestione. Quindi, non abbiamo assolutamente niente contro il vino bianco in estate ma davvero non è più “leggero” del vino rosso.

Il segreto per bere buon vino rosso in estate è nella temperatura di servizio.

Per i vini rossi la temperatura di servizio si aggira intorno ai 18-20°C (64.5- 68°F)
Un vino rosso, servito in estate a una “temperatura ambiente” di 25-30°C darà a chi beve la sensazione che il vino sia poco bilanciato, sia per l’alcool che per il gusto che sarà percepito come “pesante”, “squilibrato” e “poco elegante”.
D’altro canto, se lo stesso vino rosso, viene tenuto in frigo per molte ore i tannini arriveranno sul palato ancora più astringenti, e quindi al gusto quasi amari e decisamente poco gradevoli.

Ecco perché, la temperatura giusta è il segreto del successo di un rosso d’estate .
Quindi, è vero che si dice che “va servito a temperatura ambiente”, ma se l’ambiente ha la temperatura giusta!

Come mantenere alla giusta temperatura un vino a casa

Da noi in cantina, per servire i vini durante le degustazioni sempre alla temperatura più giusta usiamo dei macchinari appositi che dispensano il vino mantenendolo sempre alla temperatura impostata… una soluzione difficilmente percorribile a casa.

E quindi come si fa? La soluzione è mettere il vino rosso che vogliamo bere in frigo circa un’ora prima di stapparlo (questo considerando che di solito, in frigo si ha una temperatura di circa 4°C corrispondenti a  39°F).
Se non avete invece il tempo di un ora, sarà sufficiente mettere la bottiglia nel cestello del ghiaccio e lasciarla freddare un po’, saranno sufficienti 5-10 minuti circa.

Quindi, ora non resta che scegliere in base al vostro preferito tra vino bianco, rosato o rosso, meglio se Chianti Classico 😉

Cantine Cantalici vendita online

Altri prodotti che potrebbero interessarti

Grappa di Vinsanto

Grappa di Vin Santo Riserva, un distillato morbido e setoso di grande eleganza.

€125

Chianti Classico Baruffo

Rosso rubino intenso è il colore di questo vino equilibrato ma caratterizzato da una sferzante acidità che lo rende ideale per apprezzare piatti strutturati a base di umidi o selvaggina.

€15

Tangano - IGT Toscano

Il Tangano IGT Toscano è un blend intenso, vigoroso e morbido che dà il suo meglio abbinato a selvaggina arrosti e umidi.

€32
Temporaneamente esaurito

Tagliatelle di grano antico

Tagliatelle di media larghezza, fatte con grano antico Saragolla, adatte ad ogni tipo di sugo, sia quelli leggeri che quelli più densi, sia con sughi di pesce, di carne e anche di verdure.

€8
2