Antica Fornace

La prima testimonianza circa l’esistenza della fornace che dà il nome all’azienda dei fratelli Cantalici è rivelata da una mappa della zona, realizzata fra il 1583 ed il 1585, che identifica la costruzione come “Fornace di Ridolfo Zati”, con riferimento al nome del proprietario di allora.

Membro di un’antica e benestante casata fiorentina, Ridolfo Zati acquisì la proprietà del podere su cui sorge la fornace nel 1556, come dote per il matrimonio con l’unica figlia di un altro ricco cittadino fiorentino, Giovanni di Stefano Covoni, titolare di diversi possedimenti dalle parti di Castagnoli.

Nonostante la menzione del nome Zati nello stradario cinquecentesco, qualche dubbio rimane su chi abbia effettivamente portato a termine la realizzazione della fornace.

antica fornace_1

Fra la fine degli anni ’60 e gli inizi degli anni ’70 del secolo scorso, l’appezzamento di terra in località Castagnoli fu messo in vendita e acquistato da Loris Cantalici nel 1972.

Il resto è storia recente. La rinascita della fornace, secolare eredità e memoria “vivente” del tessuto sociale locale, sta andando di pari passo con l’avventura intrapresa da Carlo e Daniele.

La volontà è quella di creare un luogo capace di affermarsi col tempo quale punto di riferimento per tutti gli appassionati di vino, dove organizzare incontri ed eventi che rendano possibile, in un clima di assoluta familiarità, gustare e discutere di prodotti che hanno fatto la storia dell’enologia mondiale.

antica fornace_5  antica fornace_4  antica fornace_3  antica fornace_2  antica fornace_1